Cannava_F__miniPubblichiamo una sintesi della lezione di Psicologia sul tema “L'influenza della pandemia e delle quarantene sulla psiche, sulle relazioni e sulla società” svolta il 7 marzo 2022 a cura del dr. Francesco Cannavà presso l'Auditorium Comunale "G. Amato".

Due anni di pandemia hanno determinato lo stravolgimento delle routine e delle abitudini dell’intera popolazione mondiale. Ma ci ha davvero cambiati? Migliorati? Uniti?

Per una valutazione più oggettiva possiamo usare come chiave di lettura l’analisi delle emozioni primarie che caratterizzano la vita dell’uomo e che prescindono dai condizionamenti sociali e culturali. Sorpresa, fiducia, attesa, tristezza, rabbia, paura, gioia, disgusto, danno senso e colorano l’esperienza umana e ne caratterizzano il comportamento. Alla notizia della scoperta del virus è emersa la preoccupazione, gestita con lo stratagemma mentale di considerare il rischio lontano e l’abbiamo legato al diverso da noi: “la Cina è lontana e i cinesi hanno una vita diversa da noi”.IMG_7987

Poi il virus è sbarcato in Italia e la preoccupazione è divenuta paura. La reazione alla paura per qualcosa di incontrollabile e ingiusto ha generato posizioni diverse: l’auto protezione e l’analisi del fenomeno, la negazione (non è vero) e la rabbia, proiettata sui bersagli offerti dai social con la nascita delle correnti dei complottisti. L’uno è diventato un rischio per l’altro, così la fiducia si è tramutata in diffidenza, ci siamo dovuti chiudere in casa, perdendo i rapporti, le routine e tutte quelle attività che ci definivano con conseguente ansia. La pandemia ha fatto emergere tutte quelle emozioni latenti, compensate dalle attività del quotidiano, che nell’adattamento obbligato a nuove routine, rapporti e stili di vita si sono trasformate in comportamenti espliciti o in disagio incontenibile, fornendo una dimostrazione tangibile che l’uomo non si è realmente adattato, o quantomeno non in modo completo, alla nuova situazione. Infatti abbiamo perso le certezze, acquisito maggiore diffidenza sociale, fatto emergere le frustrazioni e la rabbia con conseguente aumento della solitudine, della distanza sociale e della conflittualità, ribellandosi alle regole, soprattutto negli adolescenti, che diversamente degli adulti hanno maggior bisogno di fare esperienza sociale e di relazione per definire sé stessi.IMG_7991

La natura animale dell’uomo, volta alla sopravvivenza e al mantenimento dei propri personali equilibri è quindi emersa senza veli, stracciando quel velo di buonismo che ci vuole tutti uniti per uno scopo condiviso ed evidenziando quei sentimenti di diffidenza e paura che serpeggiano tra tutti i popoli a dispetto di una apparente globalizzazione sociale e culturale.

La società civile ha reagito con tentativi alternativi di aggregazione e di sostegno che non hanno però nascosto le differenze di pensiero, sentimento e comportamento, frammentando il nostro paese e producendo nuove ansie per il futuro che cominciano a gravare sulle esistenze dei più giovani, che manifestano sintomi di disagio in modo sempre più diffuso e precoce.IMG_7995

Per una migliore gestione dei cambiamenti ancora in atto, per non smarrirsi nella costellazione di regole e cambiamenti imposte dal periodo, è utile fare una frequente e obbiettiva analisi dei propri bisogni e farsi parte attiva nel cercare la risposta a quei bisogni di affetto, relazione e scambio con le persone mediante comportamenti pro-sociali. Attenzionare i più piccoli e saper cogliere quei segnali di disagio che tramite l’empatia ogni persona può far corrispondere ad una risposta di affetto e condivisione mediante esperienze concrete di interazione nel mondo fisico e non on line. Occorre tornare a cercare l’altro, in via diretta, aperta, imparando ad esprimere il bisogno di stare assieme, di appartenersi, di riconoscersi come società.

Dr. Francesco Cannavà

Foto del socio Giovanni Farinella

IMG_7998 Lezione_F._Cannava_07.03.2022

Leggi il curriculum del dr. Francesco Cannavà


Forum

Archivio Video

Login Form Accesso all'area riservata

La registrazione è riservata ai soci Unitre sede di Augusta.



Per registrarsi inviare una email, contenente i vostri dati (Cognome, Nome, email e Nick) a info@unitreaugusta.it

Avviso ai soci registrati

Si avvisano i soci registrati che sono inseriti n. 4 articoli "Conversazioni tra i soci" e varie Inteviste a soci

Per poterli visionare occorre accedere all'area riservata.

Statistiche

Utenti : 25
Contenuti : 1559
Link web : 18
Tot. visite contenuti : 2675815

Il tempo ad Augusta

Link Utili



Ricerca numero telefonico e altro..

logo_misterimprese
Catalogo di imprese,
numeri telefonici di ditte,
indirizzi di aziende e studi.

google-maps-logo-2
Mappe e percorsi.

Traduttore on line

logomymovies
Cinema a Siracusa