addiaPrima di introdurmi sulle mie riflessioni circa il “Gruppo dei donatori di tempo Unitre”, vorrei prendere in considerazioni, quanto scritto da Guido Mendola, sul confronto tra i tempi della sua gioventù con quelli moderni.

Oggi carissimo Guido viviamo in una società senza valori, una società dove: c’è una perdita di rete sociale per mancanza di rapporti affettivamente significativi; solitudine in aumento; impoverimento del mondo interiore a causa dello scarso confronto e scarsa qualità spirituale nel rapporto umano.

Ciò premesso, cercherò di esporre il mio pensiero in merito.

Rincorrere l’appagamento, la gioia, la felicità e farla attraverso il materialismo è alquanto effimero.

Ricordo bene che nella mia giovinezza avvertivo quasi un vuoto interiore senza trovarne una valida giustificazione. Da anni, ormai, ho capito e sperimentato che quel vuoto originava dall’assenza di Dio nella mia vita.

Cercavo di colmare la distanza tra me e il Signore con delle banalità e non con la Fede e, in realtà, stavo male dentro.  Ho lasciato molte ferite a tante persone a me care con il mio comportamento . Potessi chiedere scusa a tutti!!

Qualche tempo fa, sono stato invitato a partecipare ad un corso di Cristianità della durata di tre giorni.

Ho accettato di partecipare per non deludere un  amico che mi aveva invitato e nello stesso tempo per concedermi un periodo di riposo. 

Durante quei tre giorni più volte mi sono guardato e ho notato che mi rimane ben poco dentro.

Ho scoperto che la mia Fede in Dio si era sopita, mi sono, nell’arco di tre giorni , inginocchiato parecchie volte davanti al Tabernacolo per ringraziare Dio per tutti i benefici che mi aveva dato ed ho capito che ero quasi arrivato alla fine della mia esistenza interiore e per questo stavo male.

Ho pianto a dirotto come un bambino, era un pianto liberatorio.

Ho incontrato Dio nel mio cuore, mi sono vergognato di molte cose, ma ero felice di aver incontrato Qualcuno che aveva perdonato i miei peccati.

Se per tutti c’è una speranza? Certamente……

Accogliere Cristo nella propria vita vuol dire innanzitutto sentirsi amati, sentirsi figli di Dio, fratelli in Cristo, sentirsi di valere molto agli occhi di Dio, anche nelle nostre quotidiane  difficoltà.

Quindi vuol dire prendere coscienza, vera e continua, di avere un Padre Celeste a cui importa di noi in massimo grado.

Allora a questo Padre che è nostro, cioè mio, tuo e di chiunque voglia essere Suo figlio, dobbiamo rivolgerci perché è Lui la fonte di ogni amore che possa nascere nel nostro cuore.

Noi possiamo scegliere di essere amorevoli verso gli altri, ma questo amore prima o poi si esaurisce se non poggia le radici in un Amore grande ed infinito e questo amore è Dio, Padre nostro.

Dobbiamo aiutare chi ne ha bisogno ma prima dobbiamo stare bene con noi stessi; poi possiamo andare da chi soffre per portare loro una parola di Fede, di speranza, dare sostegno a chi soffre sia dentro che fuori.

Quando si torna a casa la sera, dobbiamo chiederci se siamo stati bene con noi stessi e dobbiamo comportarci di conseguenza.

Presidente mi complimento con te per  questa tua iniziativa del “Gruppo donatori di tempo Unitre Augusta” che proietta sempre di più la nostra Associazione   alla  “Solidarietà”, alla “ Cultura “ e alla “ Umanità“.

A tutti gli iscritti e alle loro famiglie un augurio di buone vacanze.

Carmelo Addia


Commenti 

 
#2 Carmela Bonfiglio 2012-06-23 22:43
Ho letto con attenzione ciò che hai scritto.
Il Signore ha raggiunto il tuo cuore perchè tu glielo hai permesso. Avrebbe voluto farlo anche prima, ma Lui ci rende liberi di scegliere, ma ha sempre saputo che lo avresti cercato.
Nella vita di ognuno di noi, ogni cosa è destino; se sbagliamo Lui ci perdona sempre, sa che siamo umani e che il nostro percorso è tortuoso. Lui è sempre presente, le sue braccia circondano la nostra vita, ci protegge....Che sia fatta sempre la Sua Volontà, queste sono le parole che bisogna sempre implorare alla fine di ogni preghiera.
Ciao Carmela.
 
 
#1 Franca Morana 2012-06-17 17:31
Bravo Carmelo sei davvero un "bravo ragazzo" che ha il coraggio di esporre un suo percorso per contagiare chi ti legge e chi ti conosce. E' bello darsi una mano in questa direzione, ed è ausoicabile sempre che in questa nostra assurda società, almeno nel nostro piccolo ci aiutiamo confrontandoci per darci una mano e camminare insieme per scoprire la univa e sola Verità: siamo figli di Dio e fratelli fra noi... diversamente il vivere da lupi...peggiora il tutto e fa vivere da "malati". Grazie carmelo e sempre in bocca al lupo Ciao Franca
 

Forum

Login Form Accesso all'area riservata

La registrazione è riservata ai soci Unitre sede di Augusta.



Per registrarsi inviare una email, contenente i vostri dati (Cognome, Nome, email e Nick) a info@unitreaugusta.it

Avviso ai soci registrati

Si avvisano i soci registrati che sono inseriti n. 4 articoli "Conversazioni tra i soci" e varie Inteviste a soci

Per poterli visionare occorre accedere all'area riservata.

Statistiche

Utenti : 24
Contenuti : 1500
Link web : 18
Tot. visite contenuti : 2356113

Il tempo ad Augusta

Link Utili



Ricerca numero telefonico e altro..

logo_misterimprese
Catalogo di imprese,
numeri telefonici di ditte,
indirizzi di aziende e studi.

google-maps-logo-2
Mappe e percorsi.

Traduttore on line

logomymovies
Cinema a Siracusa