Campisi_A_miniPubblichiamo la sintesi dell’incontro di Patrimonio culturale dal titolo "Fra potere e oblio: il ruolo di Megara Hyblaea nel passato e nel presente” tenuto giovedì 2 maggio 2024 dalla dr. ssa Angela Campisi.

Il primo erudito che abbia parlato dell’ubicazione di Megara Hyblaea e di quanto rimanesse allora della città, fu nel XVI secolo il domenicano Tommaso Fazzello che ne indicò la presenza ad “un tiro di fionda” dal torrente Cantera ma fu l’attraversamento della ferrovia che nel 1867 ne rivelò la presenza inconfutabile, attraversando da parte a parte il piano della città. Seguirono i primi interventi di scavo archeologico da parte del soprintendente Paolo Orsi fra il 1889 e il 1892, mettendo in luce più di un migliaio di sepolture datate dal VII al VI sec. a.C., che riconobbe in quei resti le due Megara Hyblaea (quella arcaica e quella ellenistica). Sembrava l’inizio di un futuro glorioso quando nel 1949 tutta l’area intorno iniziò a subire un lungo processo di occupazione dei suoli da parte dell’enorme raffineria petrolifera che da quegli anni in poi avrebbe cambiato l’aspetto del territorio con una serie d’impianti. Negli anni CAMPISI_4fra il 1951 e il 1953, sulla necropoli settentrionale iniziarono i lavori per la costruzione della raffineria RASIOM (oggi SONATRAC), costruita con i rottami di una raffineria proveniente dal Texas. La Soprintendenza cercò di salvare il salvabile, impegnata in una lotta impari contro i direttori dei lavori che fecero di tutto per far sparire le tracce di quello che veniva alla luce. Le ruspe non si fermarono neanche quando portarono alla luce la Kuorotrophos, la statua della Dea madre che allatta due gemelli (VI sec. a.C.). Per timore che la scoperta potesse ostacolare l’avanzamento dei lavori, fu distrutta con il martello pneumatico in 936 frammenti. Gli archeologi della Soprintendenza raccolsero ogni pezzo e riassemblarono la statua, esponendola da allora al Museo Archeologico di Siracusa. Stessa sorte toccò alla necropoli meridionale, dove negli stessi anni venne impiantata una Cementeria (oggi Buzzi/Unicem). Intanto intorno alla metà degli anni ’50 la Soprintendenza impose i vincoli, convalidati poi con Decreto del Presidente della Regione Siciliana negli anni ’60, ma questo non impedì alla Cementeria di continuare ad ampliare ulteriormente i propri impianti negli anni ’70.

NCAMPISI_10egli stessi anni in cui continuavano a impiantarsi le industrie, la Soprintendenza, allora diretta da Luigi Bernabò Brea, tentava di salvaguardare il sito. Purtroppo, non si riuscirono a salvare le necropoli. Gli scavi archeologici dell’abitato, condotti con criteri scientifici, hanno avuto inizio nel 1948, (missione dell’Ecole Francaise di Roma), e sono tuttora in corso. I francesi erano interessati allo studio dell’urbanistica delle città coloniali e Megara Hyblaea, per la quale a differenza di Siracusa non si erano avute sovrapposizioni della città moderna, rappresentava e rappresenta ancora oggi un caso ottimale.

Il Decreto Assessoriale n. 011/GAB del 07/03/2019, annetterà Megara Hyblaea al Parco di Leontinoi che comprende anche le aree archeologiche di Lentini/Carlentini e del Monte San Basilio.CAMPISI_20

Visitare oggi Megara Iblea non è cosa semplice; bisogna districarsi entro un groviglio di svincoli autostradali con pazienza prima di potersi immettere nella strada che conduce a destinazione. Una volta giunti sul posto quello che maggiormente si avverte è la presenza incombente delle ciminiere tutte intorno ma anche la presenza di discariche abusive lungo la strada difficilmente praticabile. Solo l’amore per la storia e l’archeologia fa da motore per superare ogni impedimento e potersi godere nonostante tutto quanto gli archeologi hanno riportato alla luce. Lo scavo di Megara Hyblaea è alquanto singolare poiché coesistono le due città quella arcaica e quella ellenistica e la distinzione si è cercata di evidenziarla con una cartellonistica con segni di colore rosso e verde: rosso per la città arcaica e verde per quella ellenistica. L’agorà è la prima emergenza entro cui si perviene, a sinistra della quale si trovano i resti di un santuario ellenistico, dalla facciata monumentale con l’interno ricco di reperti. Proseguendo lungo vie che si apre verso sud s’incontra una grande dimora ellenistica con ampio peristilio e piccole terme private. La zona successiva svela la presenza di ambienti destinati alla salute fiCAMPISI_22sica, un ginnasio ellenistico. Il faro Cantera si affaccia sul golfo di Augusta proprio dove si trovavano i resti del villaggio neolitico di cui rimangono alcuni fori per i pali delle capanne, annessa anche l’area che accoglie un’affascinante masseria di fine settecento con i locali destinati all’Antiquarium, che aspetta ancora un adeguato allestimento dei reperti che i vari scavi hanno riportato alla luce.CAMPISI_30

Si tratta di una visita importante ma anche non facile e non totalmente accessibile che consente però di rendersi conto dell’estensione della città soprattutto di quella arcaica. Durante i tanti anni di scavi gli archeologi hanno catalogato numerosi sarcofagi estratti dalla metropoli nord restituendo una grande quantità e varietà di reperti oggi conservati tutti al Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi di Siracusa. L’area archeologica di Megara Hyblaea è in continua attività di scavo e ricerca, e la sua conoscenza va migliorando di anno in anno accrescendone l’importanza di contro la sua visibilità nel panorama archeologico Siracusano è quasi inconsistente, il suo raggiungimento una sfida, la presenza di visitatori ridotta praticamente al nulla.

Angela Campisi

Leggi il curriculum di Angela Campisi


Forum

Archivio Video

Login Form Accesso all'area riservata

La registrazione è riservata ai soci Unitre sede di Augusta.



Per registrarsi inviare una email, contenente i vostri dati (Cognome, Nome, email e Nick) a info@unitreaugusta.it

Avviso ai soci registrati

Si avvisano i soci registrati che sono inseriti n. 4 articoli "Conversazioni tra i soci" e varie Inteviste a soci

Per poterli visionare occorre accedere all'area riservata.

Statistiche

Utenti : 26
Contenuti : 1654
Link web : 18
Tot. visite contenuti : 3107762

Il tempo ad Augusta

Link Utili



Ricerca numero telefonico e altro..

logo_misterimprese
Catalogo di imprese,
numeri telefonici di ditte,
indirizzi di aziende e studi.

google-maps-logo-2
Mappe e percorsi.

Traduttore on line

logomymovies
Cinema a Siracusa